Menu Principale

Trovi A.G.I.A.D. anche qui:

Login Form

Misure dispensative

Secondo le linee guida della legge 170/2010, "le MISURE DISPENSATIVE sono interventi che consentono all’alunno o allo studente di non svolgere alcune prestazioni che, a causa del disturbo, risultano particolarmente difficoltose e che non migliorano l’apprendimento".

Per fare un esempio è possibile dispensare uno studente con dislessia dalla lettura di un lungo brano perchè questo tipo di esercizio non migliora la sua prestazione, proprio per via del disturbo.

Una misura dispensartiva può essere quella di consentire allo studente di avere più tempo a disposizione per lo svolgimento di un compito, perchè ha bisogno di un tempo più lungo rispetto ai compagni per decodificare il compito. Nel caso in cui non fosse possibile prevedere del tempo in più, si può optare per unariduzione del lavoro rispetto a quello dei compagni. In questo modo lo studente con DSA non verrà penalizzato dal proprio disturbo nell'esecuzione del compito.

Le linee guida segnalano che "in assenza di indici più precisi, una quota del 30% in più appare un ragionevole tempo aggiuntivo".

E' importante valutare con attenzione l'efficacia delle misure dispensative da adottare, per evitare così di creare dei percorsi formativi per gli studenti con DSA che siano troppo facili e poco stimolanti neppure così impegnativi da risultare inaccessibili.